in

Virtual Reality per contrastare il Covid e non solo. Il corso di Scuola Futuro Lavoro per operare nel virtuale


Milano, 11 gennaio 2021 – Sono enormi le potenzialità della realtà virtuale nei contesti sanitari, già gravati dalla pandemia, scolastici, artistici, sportivi e nei vari tipi di training, oltre a rivelarsi utile contro lo stress da pandemia. Consapevole della sempre più evidente affermazione delle tecnologie immersive sul mercato, Scuola Futuro Lavoro (con sede a Milano, in via Ondina Valla 2 angolo Viale Cassala 48/1) lancia il corso di Virtual Reality, che si svolgerà dal 22 febbraio al 30 giugno, dalle 18.30 alle 21.30. Composto da 200 ore, declinate in 6 distinte unità didattiche, il corso tiene conto della varietà degli orizzonti applicativi e dell’opportunità di integrare le tecnologie VR (da Virtual Reality) nei contesti professionali più eterogenei.
La realtà virtuale rappresenta una delle tecnologie che più riesce a rispondere alle nuove richieste in termini di modalità di consumo delle informazioni, di fruizione di contenuti e di intrattenimento: nasce dall’idea di replicare la realtà quanto più accuratamente possibile dal punto di vista visivo, uditivo, tattile e anche olfattivo, per compiere azioni nello spazio virtuale superando limiti fisici, economici e di sicurezza.
Oltre al settore dell’intrattenimento, sempre più imprese utilizzano queste tecnologie per ottimizzare tempi e costi in diversi ambiti: progettazione, simulazione, formazione, testing, assistenza tecnica.
Nel campo medico, la realtà virtuale permette di offrire assistenza sanitaria a distanza ai pazienti affetti dal Covid, monitorando il loro ritorno a casa dall’ospedale. Nell’ambito di speciali programmi di supporto, supervisionati da remoto dal personale medico, applicazioni VR consentono di gestire meglio lo stress e l’ansia, minimizzando gli effetti negativi dell’isolamento, grazie alla possibilità di rilassarsi e visitare virtualmente luoghi straordinari.
La realtà virtuale è, inoltre, uno strumento sempre più importante per architetti, designer, costruttori e venditori. Attraverso l’immersione sensoriale si percepiscono proporzioni e dimensioni in maniera realistica, ottenendo ciò che è impossibile fare attraverso un disegno 2D.
L’intento del corso è quello di istruire i partecipanti sulle tecniche principali per realizzare applicazioni in Realtà Virtuale. Attraverso lo studio delle potenzialità dell’engine in real time di Unity 3D, gli alunni impareranno a configurare un progetto, impostare una scena, assemblare gli asset dallo store di Unity 3D, ideare una scena interattiva ed esportare la stessa completa per la fruizione nel visore. Una parte del corso è riservata ai concetti base e tecniche del Sound Design.
Non si prescinderà, inoltre, da una conoscenza approfondita delle specifiche tecniche dei dispositivi VR e dalla capacità di configurare gli stessi per la fruizione individuale. Oltre al modulo di Character Design, parte centrale del corso è rappresentata dall’unità dedicata all’esplorazione delle potenzialità dei software di modellazione 3D, durante la quale gli studenti realizzeranno il modello 3D di un personaggio e di un prop utilizzando i principali strumenti per la scultura e la modellazione in Blender.

A completamento della prima aggregazione di moduli, i corsisti si misureranno conl’animazione 3d attraverso tecniche e software di Motion Capture, con la quale impareranno ad applicare a personaggi virtuali i movimenti di persone o cose ripresi in tempo reale e immediatamente riprodotti sullo schermo tramite l’utilizzo delle attrezzatore di MoCap Rokoko. Dotata di aule con strumentazione e tecnologie altamente professionali, Scuola Futuro Lavoro mette a disposizione uno spazio dedicato alla Realtà Virtuale, oltre a tuta e guanti per Motion Capture e Visori Oculus.

Olé Artist più forte della pandemia: parte la campagna “Show must go on”

“@ the WindoW” by Ross Roys torna il 16 gennaio 2021 su YouTube