in

“Diporto & Divino”: i bianchi romagnoli stregano i gourmet di Cesenatico

Grande successo, lo scorso 16 aprile, al ristorante “Diporto” di Cesenatico per il debutto della rassegna “Diporto & Divino”, un viaggio enologico tra i più rinomati vitigni delle colline romagnole che si ripeterà ogni secondo martedì del mese.

Il primo appuntamento, dal titolo “La Romagna che non ti aspetti”, è partito in via Magrini con una sfilata di bianchi fermi romagnoli (ma non è mancata anche qualche “bolla”) in rappresentanza delle aziende vitivinicole Zavalloni, Tenuta Masselina, Le Rocche Malatestiane, Cesari, Fattoria Zerbina e Poderi Dal Nespoli. Alle degustazioni delle etichette è stata abbinata anche una gastronomia light a base di tapas e mezzi piatti preparati con pesce fresco di giornata. A corredo della rassegna anche stand eno-gastronomici che hanno proposto una selezione di formaggi, salumi, carne di struzzo ed altri prodotti locali. 

, al civico 24 di via Magrini, vicino al mercato del pesce, c’è un nuovo ristorante. Si chiama “Diporto” e, tra i fornelli, vede un giovane imprenditore della ristorazione, lo chef Matteo Magnani. Profondo conoscitore delle materie prime, alla cucina tradizionale Matteo ha aggiunto un pizzico di creatività, ma senza mai perdere di vista il rispetto liturgico per la cultura gastronomica marinara. 

Vista la sua collocazione strategica (il ristorante sorge a due passi dal mercato del pesce) il menù si compone esclusivamente con il pescato del giorno. Dalle specie “povere” da brodetto alle sarde, dalle cozze nostrane al pesce azzurro, i piatti sono un omaggio al territorio e alla sua antica identità culinaria. 

Il ristorante “Diporto”, oltre ad essere un polo gastronomico di alto livello, si propone di diventare nel tempo un ricco

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

Comments

comments

Luca Guerrieri remixa DHS – “The House of God”, simbolo della musica house

Inaugurato lo Hierbas di Milano Marittima